2021

La Terra dei due Mari,

Orizzonti silani tra Ionio e Tirreno

Viterbo, Paestum, Salerno, Tropea, Reggio, Maratea, Caserta

30 Mag 2021
8 Giorni
7 Notti

L’occasione per scoprire una terra a lungo dimenticata dai flussi turistici ma che vi sorprenderà per le sue bellezze autentiche, rese ancor più affascinati da una calda accoglienza e da una cucina dai sapori inconfondibili. Un viaggio in Calabria regala l’emozione di passare dal Tirreno allo Ionio attraversando un vero e proprio paesaggio montano, reso unico dal pino silano, e dalle foreste di castagni, un mare verde tra le mille sfumature d’azzurro dei due mari! Pezzi unici come i Bronzi di Riace, il Codex di Rossano, la cattolica di Stilo e il borgo di Gerace rendono questo itinerario un perfetto mix di arte, natura, e gusto.

1 GIORNO: VITERBO – PAESTUM
Nella prima mattinata ritrovo dei partecipanti e partenza per il Lazio. Arrivo a Viterbo, il cui centro storico è considerato uno dei più belli e meglio conservati d’Italia, con il suo gioiello, il Palazzo dei Papi del XIII secolo, seguito dal Duomo di San Lorenzo, costruito in stile romanico sopra l’antico tempio dedicato a Ercole, il Palazzo del Podestà e il Palazzo Comunale. Tempo libero per il pranzo e per una passeggiata. Proseguimento per Paestum, sistemazione, cena e pernottamento in hotel.

2 GIORNO: SALERNO – ROSSANO CALABARO – COSENZA – CATANZARO LIDO
Prima colazione in hotel. Partenza per la Calabria. Arrivo a Rossano Calabro e visita del celebre Museo della liquirizia Giorgio Amarelli, alla scoperta dei segreti della lavorazione della liquirizia, dei covoni di radice pronta per essere lavorata, degli impianti moderni per l’estrazione, degli antichi cuocitori dove si addensa la pasta nera di liquirizia e delle trafile in bronzo che le conferiscono forma e spessore. Degustazione di liquirizia. Pranzo libero. Proseguimento della visita con il Museo Diocesano, che custodisce il Codex Purpureus Rossanensis, documento di origine bizantina risalente al VI secolo considerato il Vangelo miniato più prezioso al mondo contenente testi di Matteo e Marco e, dal 2015, riconosciuto Patrimonio dell’UNESCO. Proseguimento della visita con la Cattedrale di Maria Santissima Achiropita, il più importante monumento architettonico caratterizzato da tre navate, tre absidi, una torre campanaria ed il fonte battesimale. Proseguimento per Cosenza, nota anche come città dei Bruzi, dove gli antichi monumenti si fondono con l’architettura moderna creando un connubio perfetto tra passato e presente. Incontro con la guida e visita del centro storico con Corso Telesio, Piazza del Duomo, Palazzo Arnone e la fontana dei Tredici canali. Proseguimento per Catanzaro Lido. Sistemazione, cena e pernottamento in hotel.

3 GIORNO: PIZZO CALABRO – TROPEA
Prima colazione in hotel, incontro con la guida e partenza per Pizzo Calabro, borgo marinaro situato su un pendio con suggestive vedute sul Tirreno e sul vulcano di Stromboli. Visita del Castello di Murat e della chiesetta di Piedigrotta, interamente scavata nel tufo. Pranzo libero. Nel pomeriggio trasferimento a Tropea e visita del famoso centro turistico e mondano e della Chiesa di Santa Maria dell’Isola, diventata il simbolo della città nel mondo. Si tratta di un santuario benedettino di origine altomedioevale la cui imponente struttura, troneggia su un grande scoglio che domina la spiaggia di Tropea. Al termine rientro in hotel, cena e pernottamento.

4 GIORNO: STILO – GERACE
Prima colazione in hotel. Partenza alla volta di Stilo, cittadina arroccata sulla fiumara che dette i natali a Tommaso Campanella. Incontro con la guida e visita della mirabile Cattolica, gioiello architettonico risalente al X secolo a croce greca iscritta in un quadrato. Proseguimento per Gerace, nominato uno de “I Borghi più belli d’Italia”. Pranzo in ristorante. Visita dello splendido centro storico dove le case conservano ancora intatti gli antichi stili architettonici Gotico, Bizantino, Normanno e Romanico e opere d’arte che ne testimoniano l’importanza storica e culturale. Cuore pulsante della città sin dai tempi antichi è la Piazza del Tocco, sulla quale si affacciano alcuni tra i più bei palazzi signorili della città, come Casa Furci, Casa Migliaccio e l’abitazione storica del Barone. Al termine della visita rientro in hotel, cena e pernottamento.

5 GIORNO: CAMIGLIATELLO SILANO- SAN GIOVANNI IN FIORE – LE CASTELLA
Prima colazione in hotel. Partenza per Camigliatello Silano, località montana all’interno del Parco Nazionale della Sila, e tempo libero a disposizione per una passeggiata nel centro storico dove è possibile acquistare prodotti dell’artigianato locale. Proseguimento per San Giovanni in Fiore, senza dubbio il più grande ed antico centro silano; oltre che per i suoi caratteristici costumi e il suo splendido castello di epoca normanna, è famoso per la “Badia Florense”, fondata dal beato Gioacchino da Fiore verso la fine del XII secolo. Pranzo libero. Proseguimento per Le Castella, borgo marinaro noto per la Fortezza Aragonese. Sosta per una spettacolare foto. Al termine della visita rientro in hotel a Catanzaro per la cena ed il pernottamento.

6 GIORNO: PENTEDATTILO – REGGIO CALABRIA – SCILLA
Prima colazione in hotel. Partenza per Pentedattilo, sorprendente borgo incastonato tra le guglie di pietra del monte Calvario il cui nome, così pittoresco, deriva dall’insolita forma della roccia che lo sovrasta: una mastodontica formazione rocciosa modellata dalla natura con le sembianze di una mano. La parola Pentadattilo, infatti, vale a dire “cinque dita”. Un posto che già nel corso dell’Ottocento fu apprezzato da scrittori, artisti e viaggiatori che lo definirono “uno dei luoghi più’ belli del Mediterraneo“. Pentedattilo, dopo un violento terremoto che avvenne a fine ‘700 e la continua minaccia di alluvioni, venne piano piano abbandonato dai suoi abitanti. Oggi, infatti, è un incredibile borgo di circa 40 abitanti. Camminando tra i vicoli di questo paesino calabrese si avverte e si vive una pace particolare, a tal punto da respirare un velo di mistero già da quando lo si osserva da lontano. Una vera meraviglia che assume quasi le sembianze di un presepe intagliato nella roccia. Tempo a disposizione per una passeggiata nelle pittoresche vie del bargo con le numerose botteghe artigiane, le uniche a tenere vivo il paese durante tutto l’anno. Negozietti che sembrano davvero rimasti intatti nel tempo in cui poter trovare tantissimi oggetti in legno realizzati dagli artigiani del luogo. Proseguimento per Reggio Calabria e visita al Museo Archeologico dove potrete ammirare i famosissimi Bronzi di Riace, rinvenuti il 16 agosto 1972 nei pressi di Riace, in provincia di Reggio Calabria, considerati tra i capolavori scultorei più significativi dell’arte greca, e tra le testimonianze dirette dei grandi maestri scultori dell’età classica. Tempo libero per una passeggiata sul bellissimo lungomare di Reggio e per il pranzo. Proseguimento per Scilla, d’origini antichissime ed avvolte dal mito d’Ulisse. Visita della cittadina che si erge su un promontorio sovrastato dal castello dei Ruffo che divide in due parti il centro abitato, da un lato il quartiere dei pescatori detto “Chianalea” e dall’altro la “Marina Grande” con il lungomare. Trasferimento a Monte Sant’Elia, il punto più panoramico sullo Stretto di Messina, da cui potrete godere di uno dei panorami più suggestivi della regione. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

7 GIORNO: MARATEA – PADULA – CASERTA
Prima colazione in hotel. Partenza per la Basilicata. Sosta a Maratea, “perla” incastonata nel Golfo di Policastro e affacciata sul Mar Tirreno, località dai versatili paesaggi, dagli inebrianti profumi di mare e fiori, che la rivestono in ogni angolo. Passeggiata nell’antico borgo di Maratea, arricchito da portali e viuzze, archi e palazzi settecenteschi, grotte, torri costiere, e, tra le altre, una accogliente e intima piazzetta. L’abitato della “Perla del Tirreno” è sovrastato dal Monte San Biagio, su cui svetta la Statua del Redentore, noto anche come “Cristo di Maratea”, seconda per dimensioni soltanto a quella di Rio de Janeiro. Tempo libero per il pranzo. Proseguimento per la Campania. Sosta a Padula, visita della Certosa, un luogo affascinante, ricco di storia e di intensa spiritualità tanto da essere stato dichiarato dall’UNESCO Patrimonio mondiale dell’Umanità: la Certosa di San Lorenzo o di Padula, la cui costruzione ebbe inizio nel 1306 ma proseguì con varie modifiche per circa 450 anni, uno dei monasteri più grandi al mondo e tra quelli di maggior interesse in Europa per magnificenza architettonica e copiosità di tesori artistici. Proseguimento per Caserta. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

8 GIORNO: CASERTA
Prima colazione in hotel. Visita guidata della Reggia, costruita tra XVIII e XIX secolo su progetto di Luigi Vanvitelli per volontà del re Carlo di Borbone: 1.200 stanze, servite da 34 scale e illuminate da 1.742 finestre, che dovevano stare alla pari, se non superare, le altre residenze reali come Versailles e Schönbrunn. Proseguimento per Caserta vecchia, borgo medievale che sorge alle pendici dei monti Tifatini. Stretto intorno alla piazza del Vescovado sulla quale domina la Cattedrale, il borgo è un chiaro esempio d’architettura composita arabo-normanna, sovrastato dalle rovine dell’antico castello dichiarato monumento nazionale. Tempo libero per il pranzo. Partenza per il rientro. Arrivo previsto in serata.

Sei interessato?
Prenota o richiedi maggiori informazioni sui nostri canali!
messenger
email
telefono

Potrebbe interessarti anche...

31 Lug 2021
8 Giorni
02 Giu 2021
5 Giorni
02 Giu 2021
5 Giorni
24 Apr 2021
2 Giorni
08 Ott 2021
9 Giorni
02 Giu 2021
5 Giorni
24 Apr 2021
2 Giorni
10 Lug 2021
7 Giorni
03 Apr 2021
3 Giorni

Condividi questo viaggio!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email